radiografia

Effettuare una radiografia dentale è sicuro per la salute?

  • 0/5
  • 0 ratings
0 ratingsX
Very bad! Bad Hmmm Oke Good!
0% 0% 0% 0% 0%

Denti, gengive e tessuti circostanti possono essere soggetti a diverse tipologie di problemi. Nonostante la professionalità e la preparazione uno studio dentistico non sempre è in grado di individuare la problematica affidandosi unicamente ad una semplice visita. In diversi casi ricorrere ad una radiografia dentale è essenziale. Queste ultime, infatti, possono mettere in evidenza delle piccole carie tra due denti, piorrea, cisti ed ulteriori anomalie.

Inoltre, una radiografia è estremamente utile per pianificare interventi aventi per oggetto impianti, protesi ed apparecchi ortodontici. Riuscire ad avere un’idea chiara del problema il più velocemente possibile, risparmiando tempo, permette di intervenire con metodi meno invasivi.
Ma le radiografie sono sicure per la salute del paziente? Esistono delle controindicazioni?

 

 

I vantaggi della radiografia e le tipologie più diffuse in ambito dentistico

Se non hai idea di come funzioni una radiografia, considera che quest’ultima fornisce al dentista l’opportunità di verificare in modo approfondito la situazione di denti, gengive ed ossa. I raggi X mettono in evidenza queste parti ricorrendo, per ognuna di esse, ad una tonalità di grigio differente. Ad esempio, le parti caratterizzate da una densità più elevata (ossa, denti, corone…) tendono ad assorbire una percentuale maggiore di radiazioni, apparendo più chiare. Al contrario, le parti molli (gengive e guance in primis) risultano più scure.

Le radiografie impiegate solitamente in ambito dentistico sono: bitewing, radiografia periapicale, panoramica, teleradiografia e tomografia computerizzata Cone Beam. La tomografia è la più completa ed approfondita, e fornisce un’immagine tridimensionale sia delle strutture dentali che di quelle ossee. Può essere utilizzata prima di applicare un impianto dentale, permettendo di verificare lo spessore osseo. Grazie alle tecnologie oggi disponibili si ottengono immagini con dosi decisamente basse, soprattutto se messe a confronto con la tac tradizionale.

 

 

Radiografia panoramica e radiazioni

La radiografia panoramica è ormai un esame radiologico molto diffuso, e consente di avere una visione completa dell’intera arcata dentaria. Visto l’utilizzo dei raggi X è controindicata per le donne in stato interessante, e se ne consiglia un impiego estremamente limitato nei bambini.

Ad ogni modo è opportuno indicare come le dosi di radiazioni emesse nel corso di una radiografia siano decisamente basse. È sufficiente tenere presente che una persona esposta a radiazioni durante le ore di lavoro, in un anno, ne assorbe una quantità equiparabile a 8.000 radiografie endorali.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie . Il non consenso porta al non corretto funzionamento di questo sito web. Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi